• Categorie

15.02.2018

Oasi Zegna lancia il primo weekend dell’inclusione

Slalom, divertimento e aggregazione a Bielmonte, ma anche approfondimento e dibattito

  • condividi su:
Un weekend speciale quello che sta per iniziare a Bielmonte, dedicato all’accoglienza dei più piccoli con disabilità. Una speciale tre giorni, a scopo benefico, per far vivere le emozioni della montagna veramente a tutti.

Si parte domani venerdì 16 febbraio con un convegno sul tema dello sport e della disabilità, aperto a tutti,
all’Albergo Bucaneve di Bielmonte dalle ore 14.30 alle 17.30 presso la Sala Rododendro dal titolo
"SPORT-ABILMENTE, SPORTIVA-MENTE Le pari opportunità colte dallo sport " (info: tel.015.7591460, 3401989593). 
Questi alcuni dei relatori e degli interventi attesi:

TIZIANA NASI - Presidente Fisip
Le opportunità colte, Da Torino 2006 a Pyeongchang 2018  
CHARLIE CREMONTE
 - Special Olympic Biella 2017
Le opportunità dello Sport. Una questione… mentale e di mentalità.  
ROBERTA SERDOZ
 - ODG Ordine Giornalisti. Commissione Pari Opportunità dell’Usigrai
Parità di sport, parità di genere, parità di linguaggio
FRANCESCO MARINO - Giornalisti Sciatori Italiani, Vicecaporedattore Rai Torino I diversi territori dello sport. La scoperta di un altro sport.  
CINZIA BERNECOLI
- Scuola Sci Monte Marca Bielmonte
Lo sci senza barriere. Esperienze bilingue sugli sci a Bielmonte

Sabato 17 febbraio si prosegue con la sfida al campione di sci Patrick Thaler per poi assistere alla Gara dei Sogni con la Nazionale Artisti Ski Team, la squadra di personaggi del mondo dello spettacolo capitanata da Luca Jurman, che lo scorso inverno ha già gareggiato sulle piste di Bielmonte, per raccogliere fondi e creare un futuro per bambini disabili che hanno talento per gli sport invernali.

Domenica 18 è la volta del secondo slalom SciaLis, altra iniziativa che unisce sport e solidarietà, promossa dalla Scuola Italiana Sci Monte Marca, che da anni porta in pista adulti e bambini con disabilità uditive con corsi ad hoc, e promuove  l’integrazione attraverso la diffusione del linguaggio dei segni (LIS).

Vi aspettiamo numerosi!




Vuoi saperne di più?