• Categorie

Il Forest bathing fa bene, lo spiegano gli esperti

I "bagni di foresta" favoriscono il benessere e riducono lo stress

  • condividi su:
In Italia, circa l’80 per cento della popolazione vive in aree più o meno urbanizzate. Soltanto il 20 per cento vive in contesti rurali. Negli altri paesi europei, la situazione non è molto differente. Vivere nella natura, per paradosso, è diventata la nostra condizione meno naturale. Da qui, il bisogno di far tesoro delle poche scampagnate che riusciamo a concederci fra una routine e l’altra della vita quotidiana. Tanto che il contatto con la natura ha assunto un valore terapeutico ben codificato dal punto di vista scientifico, e un termine molto rappresentativo è stato appositamente coniato: forest therapy, o forest medicine: “Una visione terapeutica emergente tra psicologi, biologi, medici e operatori sanitari - come spiegano Marco Mencagli e Marco Nieri nel libro La terapia segreta degli alberi (Sperling & Kupfer) – che, grazie a studi ed esperienze multidisciplinari, riconosce alla natura e agli spazi verdi un grande potere benefico, peraltro già in parte noto alle antiche culture popolari”.

Dall’individuazione del contatto con la natura come elemento terapeutico è nata la pratica del forest bathing, (in giapponese, Shinrin-yoku) cioè “la ricerca degli alberi che interagiscano con noi a livello energetico, o anche solo introdurre e coltivare delle piante in casa o in ufficio”. Fin dalla sua comparsa sulla terra, la specie umana ha trascorso il 99,5 per cento del proprio tempo evolutivo in ambienti totalmente naturali. Prendiamo questa tendenza a riabbracciare la vegetazione e l’habitat naturale, quindi, come un legittimo ritorno alla nostra condizione di partenza. Una condizione che, pur a patto di assecondare, per quanto possibile, i ritmi incalzanti della vita contemporanea, non possiamo lasciarci alle spalle, perché la sua negazione comporta un drastico peggioramento del nostro benessere, e della nostra salute psicofisica.

Il coautore del libro La terapia segreta degli alberi, Marco Nieri
Il coautore del libro La terapia segreta degli alberi, Marco Nieri
In molti paesi anglosassoni, in estremo oriente e, in tempi più recenti, anche in area scandinava, sono stati effettuati studi sulla correlazione tra la vicinanza agli spazi verdi e la salute umana. Non si tratta solo di capire che il verde “fa bene”, concetto peraltro già ben fissato nella coscienza collettiva, ma quanto e come faccia bene. Nel 2010, un gruppo di ricercatori danesi ha pubblicato sullo Scandinavian Journal of Public Health uno studio condotto su un campione di 11.238 cittadini residenti in Danimarca, con lo scopo di stabilire eventuali connessioni tra la fruizione di spazi verdi, la qualità della vita e lo stress. Gli intervistati che abitavano a più di un chilometro di distanza da un parco, una foresta, un lago o una spiaggia a bassa antropizzazione, avevano in media il 42 per cento di probabilità in più di sentirsi stressati, rispetto a quelli che vivevano a meno di trecento metri da quelle stesse aree. Inoltre, le persone meno stressate tendevano a ritornare più frequentemente nelle aree verdi rispetto alle altre. Come dire: la vicinanza con la natura riduce lo stress, la riduzione dello stress fa venir voglia di tornare nella natura. Un meccanismo virtuoso e circolare.

Un contributo sostanziale a questo tipo di ricerca è arrivato dagli studi sui monoterpeni emessi dalle piante. L’azione benefica della natura sugli individui non è affatto di tipo psicologico, o almeno non soltanto. Non si tratta di autosuggestione. Il condizionamento psicologico, chiaramente, esiste, ma il modo in cui le piante ci fanno bene (il come, appunto) non si esaurisce lì.

I monoterpeni sono molecole di origine organica inserite nella più ampia famiglia dei terpeni, o terpenoidi, costruite su dieci atomi di carbonio. Sono molto volatili, cioè passano facilmente allo stato aeriforme o gassoso, e sono molto diffusi in natura, prodotti da molte piante, oltre che da funghi, batteri, e alcuni insetti, seppure in quantità inferiori. Perché costituiscano la base tipica di resine e olii essenziali, è quindi intuibile. I monoterpeni sono i principali responsabili dell’odore delle foglie e dei fiori. Il loro assorbimento attraverso la pelle e le mucose è semplice, con ricadute positive sulle funzioni immunitarie, effetti espettoranti e decongestionanti, digestivi, azione antisettica, antispastica, analgesica. Ma non basta il contesto naturale a favorire l’assorbimento ottimale di monoterpeni, così come la predisposizione psicologica a riceverne i benefici. Alcuni ambienti, come le faggete, sono particolarmente adatti allo scopo. Altri, pur presentando un’abbondante vegetazione, non risultano utili. Altri ancora, sempre rimanendo nel contesto naturale, posso addirittura favorire sentimenti di disagio.

Il coautore del libro La terapia segreta degli alberi, Marco Nieri
L’Oasi Zegna, come spiegano ancora Mencagli e Nieri nel loro volume, è un luogo prezioso per il forest bathing. “La conduzione lungimirante dell’Oasi – raccontano – ha permesso di fare di questo luogo una vera officina per applicare e sperimentare le più avanzate tecniche di forest therapy: dapprima con un percorso di esperienza bioenergetica con gli alberi, in seguito con i primi sentieri studiati appositamente per il forest bathing. L’idea è nata da una serie di valutazioni che, per iniziativa della Fondazione Zegna, noi stessi abbiamo condotto nel 2014 sulla vegetazione di una parte dell’Oasi, dove predominano dense faggete particolarmente idonee a praticare questa attività. Ne è nato uno studio accurato che, prendendo spunto dalle citate ricerche internazionali e introducendo precisi parametri per la stima del potenziale emissivo degli alberi, ci ha permesso di individuare tre percorsi ad anello ideali per il forest bathing. Per dare attuazione al progetto sono state prese in esame le specie arboree esistenti (in particolare il faggio), la loro densità, l’esposizione, i venti dominanti e diverse altre variabili in grado di condizionare l’esito delle passeggiate nel bosco, tra cui la facilità di accesso e percorrenza”. Il modo migliore per godere appieno dei benefici che il forest bathing nell’Oasi Zegna può offrire, spiegano gli autori, è un "protocollo standard di tre giorni per complessive 10-12 ore di forest bathing, ma è possibile programmare anche escursioni di un solo giorno”.

Qui, il calendario delle passeggiate di forest bathing nell’Oasi Zegna.

Qui, i corsi dell'EFTI per diventare operatore di forest bathing.

Vuoi saperne di più?