• Categorie

Scopri il Biellese

Una destinazione turistica tutta da esplorare e un territorio ricco di luoghi autentici

  • condividi su:
Il Biellese è una nuova destinazione turistica tutta da scoprire e un territorio ricco di luoghi autentici tutti da vivere, fatti di cultura, tradizioni, arte e paesaggi: lasciatevi avvolgere dalla natura meravigliosa e incontaminata dell'Oasi Zegna, passeggiate lungo le coste del Borgo del Piazzo nella città di Biella e tra le caratteristiche rue del Ricetto di Candelo, immergetevi nell'atmosfera di pace e tranquillità del Santuario di Oropa. Il Biellese offre al visitatore le più svariate possibilità per imparare a conoscerlo e viverlo appieno: le camminate, i sontuosi palazzi, i prodotti tipici, le aziende storiche, i borghi del passato.

Nel centro della città lungo la via Italia si incontra il palazzo comunale che porta alla piazza Duomo dove sorge la Cattedrale di Santo Stefano, costruzione degli inizi del XV secolo, che conserva all’interno pregevoli resti di pitture del XV-XVI secolo. Vicino al Duomo si erge il Battistero, una delle costruzioni più significative del romanico piemontese. Costruito tra VII e XI secolo, è a pianta centrale con quattro absidi semicircolari scandite da lesene. Sopra la porta troviamo un tipico uso di rimpiego di materiale antico, un bassorilievo romano raffigurante Ercole con un amorino. Il cuore vecchio della città è il quartiere Piazzo, antico borgo medievale che corrisponde alla parte alta della città, a pochi passi da Piazza Duomo e raggiungibile gratuitamente con una funicolare. La piazza Cisterna, con i suoi tipici portici medievali e casa dei Teccio, una delle case più suggestive della città. Qui sorge anche la chiesa romanica di S. Giacomo. Vicino alla chiesa si trovano il Palazzo Gromo Losa, il Palazzo Lamarmora e Palazzo Ferrero sedi di numerose mostre artistiche durante l’anno. Da visitare certamente il chiostro dell’ex monastero di S. Sebastiano sede del Museo del Territorio, collegato alla basilica di S. Sebastiano. Biella conserva anche interessanti esempi di architettura industriale tessile, come l’ex lanificio Trombetta sede oggi di Cittadellarte Fondazione Pistoletto, promotrice di eventi culturali e mostre sull’arte contemporanea o l’ex lanificio Maurizio Sella sede di Sellalab centro di innovazione digitale del territorio, entrambi dell’800 e situati sui lati opposti del torrente Cervo. A pochi passi dal centro, per gli amanti della natura, una passeggiata semplice al Gorgomoro che affianca il torrente Oropa sino al Santuario
Vi aspettiamo per accompagnarvi in un viaggio attraverso la storia, i luoghi e i sapori che fanno del Biellese una destinazione unica nel suo genere.

Il Ricetto di Candelo
, uno dei Borghi più belli d’Italia e bandiera arancione del TCI, è una struttura fortificata sorta nel Medioevo per iniziativa e volontà precisa della popolazione candelese, allo scopo di conservare e difendere i beni più preziosi della comunità: gli edifici non sono stati abitati stabilmente ma sono stati utilizzato come deposito per i prodotti agricoli in tempo di pace e come rifugio temporaneo per la popolazione in tempo di guerra o pericolo. Passeggiando tra le "rue" acciottolate o visitando le cellule ecomuseali si è avvolti nell’atmosfera unica ed indimenticabile di questo luogo, che è stato utilizzato anche come set cinematografico. A poca distanza dal borgo è possibile inoltre passeggiare nella Riserva Naturale Orientata delle Baragge, definita la "savana biellese" e caratterizzata da particolarissime caratteristiche geologiche e botaniche, che rappresenta l'ultimo lembo di territorio incolto rimasto tra la pianura e i primi contrafforti pedemontani.

INIZIATIVE: Per le visite guidate, organizzate su richiesta tutto l'anno, rivolgersi all'Associazione Turistica Pro Loco di Candelotel. 015.2536728, email prenotazioni@prolococandelo.it . Il Ricetto ospita anche numerose manifestazioni, tra cui Primavera al Ricetto...tra sapori e coloridal 25 aprile al 5 maggio; Vinincontro, dal 13 al 15 Settembre; il Borgo di Babbo Natale, il 23-24-30 novembre e 1-7-8-14-15 dicembre. Nella primavera del 2020 ci sarà il consueto appuntamento con Candelo in fiore. Per ulteriori informazioni si può consultare la pagina http://www.candeloeventi.it/

Il Santuario e Sacro Monte di Oropa - Patrimonio Unesco. A 1200 metri di altitudine, il Santuario di Oropa, considerato il luogo di culto mariano più importante dell’arco alpino, si trova a soli 12 km dalla Città di Biella.   La tradizione attribuisce l’origine del Santuario al IV secolo. La seicentesca Basilica Antica custodisce la statua della Madonna Nera, scolpita nel XIII secolo. Gli affreschi del sacello, di epoca medievale, sono considerati tra i più importanti del Piemonte.   Da non perdere, il Sacro Monte di Oropa, dedicato alla vita della Vergine e riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco;  il Cimitero monumentale; la collezione di presepi provenienti da tutto il mondo nella Basilica Superiore, le gallerie degli ex voto, l’Appartamento Reale dei Savoia e il Museo dei Tesori, dove sono conservati i paramenti liturgici, i documenti storici e gli ori che nei secoli hanno incoronato la Madonna Nera durante nelle Incoronazioni Centenarie dal 1620 al 1920.   Il 30 agosto del 2020 a Oropa si celebrerà la V Centenaria Incoronazione della Madonna di Oropa.   Per i pellegrini e i turisti, all’interno del Santuario sono a disposizione circa 300 camere, ristoranti, bar e negozi di souvenir.

INIZIATIVE: Nei mesi di luglio e agosto, tutte le domeniche alle ore 11 e alle ore 15 si organizzano visite guidate alla scoperta del Santuario, del Tesoro e dell’Appartamento reale.   Sabato 14 e domenica 15 settembre 2019 da non perdere la Fiera di San Bartolomeo, con il raduno della Pezzata Rossa di Oropa e il mercatino degli hobbisti.

Vuoi saperne di più?