• Categorie

10.10.2020 - 11.10.2020

Forest Therapy e Foliage, un weekend per rigenerarsi

Il 10 e 11 ottobre camminate consapevoli e pratiche di meditazione per immergersi nella natura e in sé stessi

  • condividi su:
L’autunno, stagione di cambiamento, uno dei periodi dell’anno in cui attivare un nuovo ciclo di crescita. E’ uno dei momenti migliori in cui praticare la Forest Therapy, pratica di benessere che sfrutta l’energia delle piante e della natura per alleviare lo stress, stimolare concentrazione e memoria, dormire meglio, potenziare il sistema immunitario, infondere energia e vigore.

L’Oasi Zegna, durante il meraviglioso momento del foliage, è la cornice ideale per praticare la Forest Therapy che, in collaborazione, con l’associazione Sillabe, viene proposta in due appuntamenti autunnali curati da Eugenio Berardi e Fabio Castello. Si tratta di due seminari esperienziali che attraverso la meditazione e le camminate consapevoli rigenerano e preparano alla nuova stagione di impegni.


Si comincia il 10 e 11 ottobre e si replica il 17 e 18 ottobre (qui tutte le informazioni relative a questo secondo appuntamento). In tutte e due i casi ci si immerge nei profumi e nella quiete che l’autunno dona all’Oasi Zegna, ai suoi boschi che assumono colori caldi grazie anche alla luce dorata del periodo e agli odori di foglie bagnate. Si va alla scoperta del Bosco del Sorriso, del Sentiero della Valsessera, antica via della transumanza che regala panorami mozzafiato e della via del Carabo, bellissimo sentiero naturalistico.  

Ma ecco il programma del primo weekend che va prenotato obbligatoriamente entro il 7 ottobre, anche perché il protocollo Covid comporta il fatto che possono essere accettate al massimo 20 persone. 

Sabato 10 ottobre 

Dalle 9.30 alle 12.30 si percorre il Sentiero della Valsessera. Sarà una camminata in silenzio per entrare in piena connessione con la natura. Si sperimenterà la pratica di abbracciare un albero per sfruttare la capacità delle piante di emettere, in certe condizioni, campi elettromagnetici che influiscono sul nostro stato energetico. 
Dalle 12.30 alla 13.45 si pranza al Rifugio Piana del Ponte assaggiando gli antipasti del giorno, il pane fatto in casa, la polenta concia e gli ottimi dolci.  
Dalle 13.45 alle 17.30 si sperimenta il cammino consapevole nel Bosco del Sorriso tra pratiche di benessere e meditazione per metterci in una condizione di ascolto del nostro corpo e dell’ambiente circostante. Sarà interessante sperimentare anche la camminata a piedi nudi che dà maggior equilibrio, migliora la postura e la circolazione. 

Domenica 11 ottobre 

Dalle 8.30 alle 12.30 si percorre il Sentiero del Carabo, da Bocchetto Sessera all’Alpe Scheggiola e poi fino alla Piana del Ponte. Camminata consapevole e meditazione ci prepareranno a un momento sonoro con il Gong Nettuno di Max Palin che ben si adatta ai boschi. 

Alle 12.30 si pranza al Rifugio Piana del Ponte e, al termine del pasto, ci si saluta. 

Dettagli del percorso 
Bosco del Sorriso: facile Sentiero della Valsessera: difficoltà media Sentiero del Carabo: difficoltà media 

Costi 
Due giorni: 95 euro (pranzi e cena esclusi) Un giorno: 65 euro (pranzo escluso) Per motivi logistici la cifra va anticipata tramite bonifico (vedi i contatti alla voce Info, qui sotto). In caso di maltempo la cifra verrà rimborsata. 

Info
 
Eugenio Berardi: 348.1847670 (anche via whatsapp) info@foresttherapypiemonte.it, Facebook: Forest therapy Piemonte 

Alloggio
E’ possibile dormire all’albergo ristorante Bucaneve, tipico chalet di montagna che si trova a 1500 metri in una splendida posizione soleggiata con panorama che abbraccia la Pianura Padana fino al Monviso. Oppure si può alloggiare alla Locanda Bocchetto Sessera che dispone di camere arredate in stile montano. 

Cosa portare
Una penna, un blocco per gli appunti, abiti comodi, scarpe da trekking leggero, k-way o mantellina per la pioggia.

Norme anti-Covid 
Sarà garantita la distanza minima di un metro tra i partecipanti. Le pratiche si svolgono all’aria aperta. Verrà fornito spray igienizzante per le mani. Chi avesse una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi o altri sintomi influenzali non può partecipare.

Downloads
Forest Bathing: la mappa dei percorsi

Vuoi saperne di più?